Il valore dello Stato democratico

Conoscere per decidere

L’Italia, il nostro Paese, è una Repubblica democratica. La parola democrazia significa anche “governo del popolo”. Ciò vuol dire che all’interno dei territori (Comuni e Regioni) dello Stato la sovranità è esercitata pienamente dal popolo col voto, ed in particolare, nel caso dell’Italia, dai rappresentanti eletti da esso. Questa sovranità riguarda tutte le decisioni che vengono prese in riferimento a quello che viene chiamato “Stato”, una parola che nel senso comune viene associata contemporaneamente a più fattori, come la classe dirigente eletta dai cittadini o le Istituzioni incaricate di scrivere e di far rispettare le leggi.

Ma cos’è concretamente lo Stato? Nasce come necessità di più persone, che si aggregano e che diventano un popolo, di governarsi e di dotarsi di regole e servizi di interesse comune.

Esso è un’entità giuridica regolata da leggi e da Istituzioni, i cui principali elementi fondanti sono i cittadini ed il territorio (Regioni, Città metropolitane e Comuni) su cui esercitano la loro sovranità. Ognuno di noi ne è quindi parte integrante ed è bene che ogni cittadino sia consapevole di ciò. Troppo spesso infatti lo Stato è visto come qualcosa di estraneo, se non addirittura di avverso, ai cittadini e troppo spesso questo Paese ha visto i cittadini porsi contro le Istituzioni statali o viceversa.

L’Italia è un paese dalle grandi risorse: poche nazioni nel mondo possono vantare un territorio ricco e vario come il nostro e ancor meno hanno avuto una storia così importante alle spalle. Tutti noi siamo ereditari di questo patrimonio e dobbiamo saperlo valorizzare nel migliore dei modi. Questo non vuol dire cadere in una forma scialba di nazionalismo o peggio di sciovinismo e di adorazione di un passato ormai perduto, ma significa avere rispetto di tutto ciò che ci è messo a disposizione dallo Stato (Parlamento e Governo, nazionale e locale), ossia da noi stessi e dai nostri predecessori. È per questo motivo che azioni di noncuranza e talvolta di disprezzo della cosa pubblica, fini a se stessi quali vandalismo e deturpazione o, per quanto riguarda l’ambito politico, di qualunquismo, devono essere, per quanto possibile, scongiurate all’interno di uno Stato democratico. In questo modo infatti, il danno non viene arrecato a qualcosa di estraneo ed ostile, ma a tutto lo Stato e quindi a tutte le persone che ne fanno parte, fra cui, è utile sottolinearlo, noi stessi.

All’interno di uno Stato democratico ogni cittadino ha ovviamente il diritto di far sentire la propria voce e di esprimere la propria opinione; tuttavia ciò deve essere fatto avendo cura e riguardo dei beni e delle persone che abbiamo intorno. Un tale comportamento virtuoso non risolverà istantaneamente i grandi problemi che affliggono il Bel Paese, ma sarà un passo in avanti verso una convivenza migliore e maggiormente produttiva fra tutti i cittadini che vi risiedono.

È questo che vuol dire essere una democrazia.

Niccolò Mangone