UNA REDAZIONE APERTA AI GIOVANI

Nasce ABCJunior© una testata e una redazione dedicata ai giovani, anche sul sito on-line

 

Con un po’ di orgoglio -che è tipico di tutte le cose che nascono da un’idea lungamente accarezzata e che un’occasione ti fa realizzare- ho il piacere di annunciare la nascita ad ABC di una nuova testata e redazione giornalistica, ABCJunior©, tutta dedicata ai giovani dalle elementari alle superiori (tanto per dare il range d’età), non necessariamente legati ad un plesso scolastico, ma anche free.


Infatti in via Osculati 5, nel cuore di Affori, dove si trova la sede di ABC e della sua Redazione (quella senior), venerdì 14 marzo si è ufficialmente insediata la Redazione junior, composta da giovani e giovanissimi “giornalisti”, accompagnati all’apprendimento di questo affascinante mestiere dello scrivere e del comporre dalle redattrici/ori di ABC, quelli che lavorano ogni mese, in modo volontaristico ma professionale, per dare notizie e fare cronaca su ciò che accade nei nostri quartieri, in campo sociale e culturale.

 

Quest’occasione ci è stata offerta dall’incontro con un’altra persona che già operava sulla stessa lunghezza d’onda, con gli stessi scopi, con lo stesso entusiasmo e con un progetto simile al nostro, alla ricerca del momento giusto e delle persone giuste per realizzarlo. Questo gioco astrale (ci si passi lo scherzo) ci ha fatto incontrare Cristina Mirra, una giovane donna, solare, entusiasta, generosa e preparata, che opera nell’Associazione Metaeducazione dedita, tra l’altro, al recupero di bimbi e giovani con difficoltà nello studio. Ringrazio Cristina per aver pensato subito a noi di ABC in attesa dell’incontro fatale e per averci fatto conoscere un gruppo di ragazze e ragazzi con tantissime qualità e abilità.

 

Una scoperta prodigiosa e inaspettata che ha raccolto immediatamente il consenso dei colleghi della redazione e instaurato un progetto di lavoro redazionale che si riunirà ogni quindici giorni. Da queste pagine diciamo a ragazzi e giovani che amano lo scrivere, il giornalismo, di farsi avanti e contattare la redazione.

 

In questo primo numero di ABC quindi l’inaugurazione di un bel percorso che con l’aiuto di tutti può diventare patrimonio culturale di tutti.

Giovanni Russo

 

direttore editoriale di ABC


PICCOLI GIORNALISTI CRESCONO AD ABC

Questa è la seconda primavera che l’Associazione Metaeducazione trascorre a Villa Litta, in una grande sala messa a disposizione dal CdZ 9.

L’Associazione nasce due anni fa dall’idea di offrire un punto di supporto per studenti del quartiere in difficoltà con lo studio, ma anche per le loro famiglie. Per confrontarsi, per sostenersi, per ascoltarsi nei momenti di difficoltà, ma anche poi per ripartire ogni volta.


Il nostro impegno è sostenuto e reso possibile da un consistente gruppo di volontari, ragazzi delle superiori, che dopo la scuola, una o due volte la settimana, diventano un po’ i fratelloni maggiori di tanti piccoli in difficoltà scolastica. Il nostro modo di trasmettere un valore importante è la solidarietà di vicinato. Il sostegno nei compiti è inteso nel senso di costruire un metodo di apprendimento in grado di rendere lo scolaro autonomo nell’affrontare lo studio.


Oltre a questo proponiamo laboratori di approfondimento per scoprire e sviluppare i talenti di ognuno: laboratori artistici, musicali e di scrittura creativa.

La scrittura, la comunicazione scritta, ma anche sviluppare l’idea che possa essere significativo ed importante proporre attività concrete che colleghino i contenuti dello studio all’esperienza pratica. Nasce così l’idea del corso di giornalismo anche per i più piccoli.


Qualche settimana fa ho proposto quest’idea al direttore di ABC Giovanni Russo, che l’ha accolta subito con entusiasmo. La redazione di ABC, tutta, ha da subito ospitato amorevolmente le ragazze e i ragazzi, che si sono sentiti e si sentono, siamo al secondo incontro, a casa. Ed è così che oltre a formare i ragazzi, la redazione offrirà una pagina web (www.abcnewsredazione.it, ABCJunior) e uno spazio sul giornale cartaceo per ospitare i loro pezzi, articoli o racconti. Il giornalismo (attualità e cronaca) può rivelarsi, per questi ragazzi, uno strumento per favorire concretamente un’alfabetizzazione culturale al fine di giungere alla consapevolezza di sé e delle proprie capacità.


Il Direttore del giornale, consegnando ai ragazzi del quartiere le chiavi della redazione di ABC, consegna loro, in qualche modo, le chiavi di lettura per comprendere ciò che accade e le tecniche di scrittura per esporle con chiarezza. Un modo questo, per entrare in possesso, un giorno, di altre chiavi, quelle che consentono di prendere decisioni con una coscienza più elevata e forse magari anche di rendere il mondo, a partire dal nostro quartiere, un posto migliore.


Kapuscinski (giornalista polacco, ndr) scriveva: «Il vero giornalismo è quello intenzionale, vale a dire quello che si dà uno scopo e che mira a produrre una qualche forma di cambiamento. Non c’è altro giornalismo possibile». Questo è il giornalismo che ho trovato ad ABC.

 

Cristina Mirra