Luna Blanca Luna Negra

La donna in musica e danza

Il 9 marzo il Municipio 8 ha voluto continuare la celebrazione della Festa della Donna offrendo ai cittadini, nel grande Auditorium Civico Enzo Baldoni di via Quarenghi 21, un particolarissimo spettacolo tendenzialmente al femminile, ma non solo, di musica e danza con la Compagnia Salamantras. In particolare la scena è stata animata da danze duende e gipsy accompagnate dall’originale gruppo Oriental Duende e dallo scatenato Caravan Quintet insieme al cantautore Angelo Urso. L’evento, patrocinato dal Municipio 8, è stato organizzato da Metiss’Art Danza Arte Benessere dal Mondo in collaborazione con Arci Metromondo e Teleambiente, e ha avuto tra i suoi partecipanti anche eccezionali special guest quali Jolina Vittoria Lavicoli, Frenezza Jupoj, Gipsy Monday, Ondakini e gli Zigana Clan. Dopo un primo momento di danza riflessiva, emozionale, intima e fortemente partecipata dalle movenze e dai vocalizzi delle danzatrici, nei quali le persone intervenute hanno potuto vedere o ritrovare una storia, un racconto particolare, la Luna Blanca Luna Negra appunto, la serata si è trasformata in una festa di danza collettiva, che ha visto scendere in pista danzatrici gipsy trascinanti, a loro volta, il pubblico intervenuto. Una festa di foulard, scollature e gonnelloni coloratissimi, volteggianti su ritmi sostenuti, quasi impossibili, di musiche gitane. Quasi un richiamo alla vita attraverso l’energia primordiale della danza e dell’allegria, che in fondo è in ognuno di noi.

 

Alida Parisi

Via Cogne, grandi protagonisti i cittadini

Ossia quando rimboccarsi le maniche semplifica di tanto, anzi completamente, la vita

Pressoché unica nel suo genere, la soluzione preferita dal Comitato di Quartiere di via Cogne 11 e adottata da Metropolitana Milanese, a cui il Comune ha affidato in gestione molti stabili precedentemente in carico all’Aler, dando una spallata ai muri talvolta insormontabili della burocrazia, optando per una soluzione a Km 0 del problema delle ristrutturazioni degli stabili, comprese le riverniciature e la risistemazione dei cortili: a Quarto Oggiaro, agli stessi inquilini è stato affidato il ruolo di protagonisti del restyling.

Uno dei principali protagonisti del progetto di rassettamento del quartiere è Fabio Galesi, presidente del Consiglio di Municipio 8 e presenza costante e capillare sul territorio. Il progetto ha coinvolto tutte le famiglie, a cui è stata richiesta una piccola quota per imbiancare gli ingressi e il locale immondizie, e alcuni richiedenti asilo politico per dare un aiuto al muratore. L’azienda MM invece ha fornito i materiali e l’assistenza tecnica. Un dato è certo, avendo contribuito tutti alla spesa, sicuramente ci sarà una maggiore attenzione alla cura e al mantenimento del proprio habitat. In ogni caso un esempio tanto geniale quanto semplice di partecipazione e collaborazione riuscitissima contro il degrado non solo strutturale, ma anche politico tra amministrazione, gestore e comitati inquilini.

Alida Parisi

Un volto d’angelo e l’ala maestosa

In uno scatolone reperti trafugati sessant’anni fa

Sono ritornati a Quarto Oggiaro, e precisamente a Villa Scheibler, due tronconi di statue decapitate che si trovano all’interno della chiesetta sconsacrata, annessa alla villa, sede della Casa delle Associazioni e adibita a manifestazioni di vario tipo quali mostre, rappresentazioni teatrali e celebrazioni di matrimoni civili del Municipio 8. Si tratta di due reperti scultorei di particolare pregio, ovvero di una “testa di un angelo” e di una connessa “ala” maestosa, trafugati oltre sessant’anni fa, assieme ad altre opere preziose, di quadri di pregio e svariati oggetti di valore. Il loro ritrovamento ha però del misterioso, perché si trovavano all’interno di uno scatolone sigillato, senza alcuna dicitura o riferimento del suo contenuto, fatto pervenire da parte di un anziano signore di circa 80 anni a Villa Scheibler 28 maggio scorso, in occasione della Festa della Repubblica delle Associazioni.

Lo scatolone è stato aperto dal presidente del Consiglio di Municipio 8, Fabio Galesi, presente alla festa.

Dell’accaduto sono stati avvisati immediatamente sia il Commissariato di PS di zona che l’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano. Con immensa gioia è stata verificata la perfetta coincidenza sovrapponendo il ‘volto d’angelo’ sul troncone della statua decapitata, situata all’interno della chiesetta sconsacrata. L’auspicio è che in futuro possano rientrare anche le altre opere trafugate, in modo da completare il prezioso patrimonio storico, culturale ed artistico di Villa Scheibler, sede storica e tenuta di caccia di Ludovico il Moro.

 

Alida Parisi

Una nuova biblioteca di quartiere

Quando leggere non è stato mai così creativo e a portata di strada

Giovedì 15 giugno, dalle ore 18 in poi, sulle note del concerto proposto dal gruppo Milano sounds of art, seguito da un aperitivo augurale, è stata inaugurata una nuova biblioteca. Particolarmente interessante, per ciò che riguarda la realizzazione di questa nuova realtà, accanto al sostegno finanziario di alcuni enti, è stato sicuramente il coinvolgimento e la partecipazione degli studenti della Scuola Media Alessandrini di via Sapri 50, attraverso il laboratorio di progettazione e autocostruzione Dire - fare - creare, situato all’interno della scuola, dove falegnami e artisti hanno guidato i ragazzi nel processo lavorativo di costruzione e decorazione della nuova struttura, coadiuvati dalla collaborazione di un’altra falegnameria, la Gallab, del quartiere Gallaratese e soprattutto dai richiedenti asilo della Caserma Montello.

 

Alida Parisi

Nuovo Protocollo per il Termovalorizzatore di Figino

A marzo Marco Granelli, assessore alla Mobilità e Ambiente del Comune di Milano, ha presentato pubblicamente, presso la Commissione Ambiente del Municipio 7, la proposta del nuovo Protocollo Silla 2 per il monitoraggio dell’impianto, in condivisione con il Municipio 8, ai Comuni di Rho, Pero, Settimo Milanese, Regione Lombardia, Città Metropolitana e A2A. Situato nell’area nord-ovest, al confine tra il Municipio 7 e il Municipio 8, l’impianto di termovalorizzazione dei rifiuti urbani di Milano, denominato Silla 2, è un servizio di fondamentale importanza per la città. La sua funzione è quella di ottenere la migliore valorizzazione energetica (da qui il nome) dall’incenerimento dei rifiuti residuati dalla raccolta differenziata, in pratica dall’indifferenziato, ovvero generare energia elettrica e calore per il teleriscaldamento: un servizio utilissimo dunque ma soprattutto una fonte preziosa di energia.

A pieno regime, infatti, la centrale è in grado di produrre calore sufficiente a riscaldare 20.000 famiglie (e la portata annua sarebbe di circa 130.000 famiglie), producendo acqua calda che, convogliata a pressione attraverso tubature sotterranee, raggiunge abitazioni del quartiere Gallaratese, arrivando fino al nuovo polo di Pero-Rho Fiera, oltre ad altri Comuni limitrofi allacciati alla rete di teleriscaldamento. Il nuovo Protocollo, costituito da un comitato tecnico-scientifico e dai rappresentanti dei Comuni e di A2A, è uno strumento quindi assolutamente necessario per monitorare i dati dell’impianto, garantirne l’efficienza e allo stesso tempo preservare aria e ambiente. A tale scopo, ogni anno, in relazione al monitoraggio, viene redatta una relazione sull’impatto (ambientale); in relazione invece alla progettualità proiettata sulla riqualificazione dell’area, vengono programmate piantumazioni e realizzate piste ciclabili. A questo proposito l’assessore Marco Granelli si è impegnato a pubblicare sul sito del Comune e a diffondere periodicamente il più possibile l’esito dei lavori del CTS (Comitato Tecnico Scientifico).

Infine, per sgomberare dubbi sulla sua effettiva funzionalità, data la particolarità dell’insediamento, va detto che proprio per la sua speciale attenzione all’ambiente e alla salute pubblica, grazie alla sua avanzata tecnologia, l’impianto è stato premiato nel 2003 dalla Triennale di Milano con una Medaglia D’oro all’Architettura Italiana per la committenza privata.

Per scaricare le slide del Comune di Milano relative al Protocollo e quelle di A2A visitare il sito a2aambiente.eu, cercare “Silla” e seguire “Termovalorizzatore Silla”.

Al.Pa.

Consiglio di Municipio dei Ragazzi e delle Ragazze

Il Consiglio di Municipio dei Ragazzi e delle Ragazze è un organo collegiale istituito presso i nove Municipi di Milano con il finanziamento della ex L. 285/97 ed è costituito da consiglieri nominati all’interno delle scuole primarie e secondarie, che hanno aderito al progetto ConsigliaMI - Milano città dei bambini e delle bambine, dei ragazzi e delle ragazze (L.285/97). Purtroppo, nel corso degli anni e con l’avvicendarsi delle diverse amministrazioni, non è riuscito a mantenere la sua presenza in tutti i Municipi di Milano, ma là dove persiste continua a proporre iniziative interessanti su tematiche scelte direttamente dai ragazzi.

I consiglieri-ragazzi poi incontrano i consiglieri municipali, gli assessori e i consiglieri comunali per lavorare insieme alle soluzioni delle proposte presentate. Presso il Municipio 8, grazie alla volontà del presidente Simone Zambelli, fortunatamente continua l’esperienza delle ragazze e dei ragazzi delle scuole elementari e medie, che partecipano puntualmente alle sedute mensili del Consiglio di Municipio delle Ragazze e dei Ragazzi (CdMRR), elaborando iniziative interessanti come ad esempio l’ultima Bibliotechiamoci, una settimana da sfogliare al Municipio 8, che avrà luogo dall’8 al 13 maggio presso il Centro Civico di via Quarenghi 21.

Probabilmente per questo e tanto altro i CdMRR si sono resi meritevoli della festa organizzata in loro onore dal Municipio 8, il 12 maggio. Tutti gli interessati possono visitare il blog del CdMRR dove trovare tutte le iniziative dei diversi Municipi: www.cdzrr.milano.it

Al.Pa.